Cerca nel sito

Cerca nel sito

ISCRIZIONE CONVEGNO 15/16 NOVEMBRE
SCARICA LA BROCHURE

15-16 Novembre 2019

Auditorium “E. Caruso” Torre del Lago Puccini (LU)

Richiesti Crediti ECM

 

Organizzato da

La Mano Amica

 

Con il patrocinio

SINPIA

 

Richiesto il Patrocinio di

Comune di Viareggio

Comune di Capannori

Comune di Lucca

Provincia di Lucca

Ausl Nord-Ovest

Ordine degli Psicologi della Toscana

Segreteria Organizzativa Cooperativa La Mano Amica Per informazioni

Irida Xhemrishi Tel: 0583.464292 Cell.328.6190134

 

INFORMAZIONI GENERALI

Il convegno è gratuito
Sede del convegno
Fondazione Festival Pucciniano – Auditorium “E. Caruso” Gran Teatro all’Aperto Giacomo Puccini
via delle Torbiere 55049, Torre del Lago Puccini (LU)

Le informazioni relative alle modalità con cui raggiungere la sede del convegno ed eventuali convenzioni con hotel per il soggiorno saranno pubblicate sul sito www.lamanoamica.it Il Convegno è gratuito,

compreso il pranzo del giorno 15 Novembre
Il convegno è aperto ad un massimo di 200 partecipanti

Modalità di iscrizione
L’iscrizione è obbligatoria fino ad esaurimento dei posti disponibili e può essere effettuata tramite link http://www.lamanoamica.it/iscrizione-convegno/

COMITATO SCIENTIFICO

Annalisa Monti Elisabetta Gonnella Katiuscia Giannecchini Maria Fontana Daniele Ramacciotti

Responsabile Scientifico

Annalisa Monti

 

RAZIONALE

L’appropriatezza è un concetto complesso e multidimensionale che si è andato sviluppando nell’ambito dei servizi e dei sistemi sanitari a partire dagli anni ‘90. Nel nostro Paese ha acquistato una rilevanza normativa con il Piano Sanitario Nazionale 1998-2000, divenendo uno dei criteri per la definizione dei Livelli Essenziali di Assistenza (D.Lgs 229/99). L’appropriatezza definisce “un intervento sanitario (preventivo, diagno- stico, terapeutico, riabilitativo) correlato al bisogno del paziente (o della collettività), fornito nei modi e nei tempi adeguati, sulla base di standard riconosciuti, con un bilancio positivo tra benefici, rischi e costi” (Glossario a cura del Ministero della Salute).

Rappresenta una dimensione della qualità dell’assistenza erogata ed è stret- tamente correlata ai concetti di efficacia, efficienza, equità, necessità clini- ca, variabilità geografica, sostenibilità. I modelli indicati dalla letteratura fanno riferimento a differenti livelli di appropriatezza (come ad esempio l’appropriatezza clinica e l’appropriatezza organizzativa), che identificano molteplici condizioni e variabili da collocare, definire e articolare in ter- mini operativi, e che devono poter essere misurate con metodi e strumenti specifici.

Nell’ambito della salute mentale e in particolare dei servizi per l’infanzia e adolescenza la cultura della qualità della cura rappresenta a tutt’oggi un processo in lenta evoluzione non tanto e non solo per un ritardo culturale: la complessità delle situazioni cliniche odierne, l’eterogeneità dei bisogni diagnostici, terapeutico-abilitativi, assistenziali, a cui si aggiunge una per- sistente ed elevata disomogeneità nell’organizzazione della rete dei servizi nelle diverse Regioni italiane, rappresentano variabili che ostacolano e ral- lentano l’identificazione di percorsi che rispondano ai criteri di appropria- tezza e efficacia.

All’interno di un panorama critico come è quello attuale, diverse Regioni si sono comunque attivate per governare in maniera omogenea i percorsi attraverso specifici documenti programmatici. In riferimento alla grave psicopatologia adolescenziale la Regione Toscana ha emanato nel 2015 le linee di indirizzo per la qualificazione della risposta all’emergenza-urgenza psichiatrica nell’infanzia e nell’adolescenza e dei percorsi di cura residen- ziali.

Su quest’ultimo aspetto è incentrato il focus del convegno, vale a dire sul- la risposta residenziale nella sua accezione – identificata dal documento programmatico regionale – di “intervento terapeutico e riabilitativo tem- poraneo inserito all’interno di un percorso di presa in carico complessiva attuata dai servizi“, da declinare all’interno della cornice concettuale della qualità della cura.

Molteplici saranno gli interventi che prenderanno in analisi i nodi del percorso complessivo per poi affrontare il tema dell’appropriatezza e degli strumenti di verifica. Di particolare interesse la tavola rotonda del saba- to mattina durante la quale alcune Comunità Terapeutiche della Regione Toscana presenteranno le loro esperienze e si confronteranno sui modelli teorici di riferimento e sui risultati ottenuti.

A CHI E’ RIVOLTO

Il convegno è rivolto a Neuropsichiatrti Infantili, Psichiatri, Pediatri, Psi- cologi, Infermieri, Logopedisti, Terapisti della Riabilitazione Psichiatrica, Educatori, Famiglie.

 

 

VENERDI 15 NOVEMBRE

Ore 8,00 – Registrazione dei Partecipanti

Ore 8,30 – Saluti delle Autorità

Ore 9,00 – 30 Anni della Cooperativa – L. Rinaldi Introduzione – A. Monti

Ore 9,15 – Introduzione A. Monti

Ore 9,30 -11,30 PROBLEMATICHE PSICOPATOLOGICHE DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA: BISOGNI EMERGENTI E NECESSITÀ DI CAMBIAMENTO. Chair: M. Armellini – B. Milianti

Ore 9,30 – Psicopatologia e complessità: aspetti categoriali elementi dimensionali M. Molteni

Ore 10,00 Disturbi esternalizzanti nell’infanzia e adolescenza: aspetti fenomenologici e nuove risposte A.R. Milone

Ore 10,30 – Emergenza Urgenza: “Quando” e “Perché” della risposta ospedaliera. M. Mucci

Ore 11,00 – Discussione

Ore 11,30 Pausa Caffè

Ore 11,45-13 PRENDERSI CURA DEL BAMBINO E DELL’ADOLESCENTE IN COMUNITÀ: OBIETTIVI E STRATEGIE. Chair: L. Luccherino-B. Sales

Ore 11,45 – La comunità come risposta inserita all’interno di un percorso complessivo di presa in carico A. Monti

Ore 12,15 – Il lavoro clinico con minori affetti da psicopatologia all’interno della comunità di Villa Toscano. M. Fontana, K. Giannecchini, A. Mandarino

Ore 12,45 – Discussione

Ore 13,00 – Pausa Pranzo

Ore 14,30-18 – COMPLESSITÀ DELLA VALUTAZIONE DI ESITO DELLA RISPOSTA RESIDENZIALE Chair: R. Farruggia-A. Monti

Ore 14,30 – La Valutazione Multidimensionale e Multiassiale A. Costantino

Ore 15,15 – Strumenti e Processi di Valutazione nelle Comunità Terapeutiche. S. Corti

Ore 16,00 – Discussione

Ore 16,30 – Pausa Caffè

Ore 16,45 – Ricorso ai servizi: riflessione sui flussi informativi F. Voller – C. Silvestri

Ore 17,30 – Video dell’attività teatrale Comunità terapeutica Vila Toscana

Ore 18,00 – Chiusura lavori prima giornata

 

 

SABATO 16 NOVEMBRE

Ore 9,00-11,00 TERAPEUTICITÀ DELLA RISPOSTA RESIDENZIALE: I MODELLI DI RIFERIMENTO Chair: M. Camuffo-A. Pitanti

Ore 9,00 – Il modello DBT C. La Mela

Ore 9,45 – Dal modello teorico delle Comunità Terapeutiche agli interventi precoci. B.Corlito

Ore 10,30 – Discussione

Ore 11,00 – Pausa

Ore 11,15-13,15 COMUNITÀ TERAPEUTICHE ESPERIENZE A CONFRONTO

Chair: R. Leonetti-G. Galli

Casa Francesco e Chiara. M. Cerrai

Comunità La Rondine. A. Venuti

Comunità Villa Toscano – E. Gonnella K. Giannecchini

Comunità Gli Orti Di Ada – G.L. D’Arcangelo V. Belmonti

Comunità Una casa a Montughi – S. Teatini

Ore 13,15 – Conclusioni

Ore 13,30 – Test ECM

Ore 13,45 – Chiusura dei lavori A. Monti – L.Rinaldi

 

RELATORI

Dott. Rocco Farruggia Neuropsichiatra Infantile, Coordinatore Sezione Scientifica di Psichiatria dell’età evolutiva Società Italiana Neuropsichiatria Infantile (SINPIA)
Dott.ssa Maria Fontana Psicologa, Psicoterapeuta Comunità Terapeutica Villa Toscano, Stiava (Lucca)

Dott.ssa Katiuscia Giannecchini Psicologa, Psicoterapeuta Rogersiana, Responsabile/Coordinatrice Comunità Terapeutica Villa Toscano, Stiava (Lucca)
Dott.ssa Elisabetta Gonnella Psicologa, Psicoterapeuta Rogersiana, Re- sponsabile Area Salute Mentale Cooperativa Sociale La Mano Amica (Lucca) Dott.ssa Giuliana Galli Neuropsichiatra Infantile, Direttore UOC di Neu- ropsichiatria Infantile di Siena ,Direttore del Dipartimento di Coordinamento Tecnico della Salute Mentale dell’AUSL Toscana Sud Est

Dott. Carmelo La Mela Psichiatra, Psicoterapeuta cognitivo comportamen- tale con formazione in DBT, Direttore Centro di Cognitivismo Clinico (Fi- renze), Professore a contratto Università G.Marconi, Roma, Didatta Società Italiana Terapia Comportamentale e Cognitiva

Dott.Roberto Leonetti Neuropsichiatra Infantile, Direttore Unità Funziona- le Complessa Salute Mentale Infanzia e Adolescenza AUSL Toscana Centro ambito Firenze
Dott.Luciano Luccherino Neuropsichiatra Infantile, Direttore UOC Neu- ropsichiatria Infantile AUSL Toscana Sud Est ambito Arezzo, Responsabile UFSMIA AUSL Toscana Sud Est ambito Arezzo, Casentino e Valtiberina Dott.ssa Annalisa Mandarino Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica Co- munità Terapeutica Villa Toscano Stiava (Lucca)

Dott.ssa Beatrice Milianti Neuropsichiatra Infantile, Direttore UOC AUSL Toscana Nord Ovest ambito Lucca, Versilia e Massa Carrara
Dott.ssa Anna Rita Milone Neuropsichiatra Infantile, Responsabile Servizio valutazione e trattamento disturbi della condotta, IRCCS Fondazione Stella Maris (Pisa)

Dott.ssa Maria Mucci Neuropsichiatra Infantile, Responsabile Unità Ope- rativa Semplice “UPEE” Urgenze Psichiatriche Età Evolutiva, IRCCS Fon- dazione Stella Maris (Pisa)
Prof. Massimo Molteni Neuropsichiatra Infantile, Direttore Sanitario IRCSS E. Medea, Bosisio Parini (Lecco), Membro Consiglio Direttivo Societa’ Italia- na Neuropsichiatria Infantile (SINPIA)

Dott.ssa Annalisa Monti Neuropsichiatra Infantile già Direttore UOC Neu- ropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza ASL 11 Empoli Consulente Comunità Terapeutica Villa Toscano Stiava (Lucca), Membro Consiglio Di- rettivo Società Italiana Neuropsichiatria Infantile

Dott.ssa Antonella Pitanti Neuropsichiatra Infantile, Responsabile Uni- tà Funzionale Salute Mentale Infanzia e Adolescenza, AUSL Toscana Nord Ovest ambito Massa e Carrara
Dott.Bruno Sales Neuropsichiatra Infantile Direttore dell’Unità Funziona- le Complessa Salute Mentale Infanzia e Adolescenza AUSL Toscana Centro ambito Empoli, Segretario della Sezione Toscana Società Italiana Neuropsi- chiatria Infantile (SINPIA)

Dott.ssa Caterina Silvestri Psicologa, Ricercatrice Agenzia Regionale To- scana (ARS)
Dott.ssa Simona Teatini Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, Respon- sabile Clinico della Comunità Terapeutica per minori con disturbi psicopato- logici “Una casa a Montughi” Fondazione Giulio ed Eleonora Guicciardini (Firenze)

Dott. Alessandro Venuti Psicologo, Psicoterapeuta Comunità La Rondine Lammari (Lucca) Mage Dott. Fabio Voller Epidemiologo Agenzia Regionale Sanità (ARS)

Dott. Marco Armellini Neuropsichiatra Infantile, Direttore Unità Operativa Complessa Neuropsichiatria Infantile AUSL Toscana Centro ambito Prato, Direttore Area Salute Mentale Infanzia AUSL Toscana Centro
Dott.Vittorio Belmonte Neuropsichiatra Infantile, Direttore Sanitario e Me- dico Responsabile Presidio di riabilitazione di Montalto di Fauglia IRCSS Fondazione stella Maris Pisa, neuropsichiatra Comunità Terapeutica Orti di A.D.A Calambrone (Pisa)

Dott. Moreno Cerrai Neuropsichiatra Infantile Direttore Sanitario Comu- nità Terapeutica per minori “La casa di Francesco e Chiara”, Sant’Ansano (Vinci)
Dott. Beppe Corlito Psichiatra, Psicoterapeuta, già coordinatore del DSM di Area Vasta Sud-Est (GR-AR-SI)

Dott. Serafino Corti Psicologo, Direttore del Dipartimento delle disabili- tà Fondazione Istituto Ospedaliero di Sospiro Onlus, Professore a contratto Università Cattolica del Sacro Cuore sede Brescia
Dott. Mauro Camuffo Neuropsichiatra Infantile, Direttore Unità Opera- tiva Complessa Neuropsichiatria Infantile AUSL Toscana Sud Est, ambito Grosseto, Membro Consiglio Direttivo Società Italiana di Neuropsichiatria Infantile (SINPIA)

Dott.ssa Antonella Costantino Direttore UOC Neuropsichiatria dell’Infan- zia e dell’Adolescenza Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano, Presidente Società Italiana Neuropsichiatria Infantile (SINPIA)

Dott. Gian Luca D’arcangelo Neuropsichiatra Infantile, Direttore Sanitario Comunità Terapeutica gli Orti di A.D.A Calambrone (Pisa)